Antica Trattoria Ö BansinTel. 0185231119info@trattoriabansin.it

Interno della trattoria Bansin di RapalloBansin nasce nel 1907 in Via Venezia n° 49 a Rapallo per merito e acume di Amedeo Macchiavello, la cui foto troneggia ancora oggi sopra il banco bar a dare il benvenuto agli avventori del locale.
Quando Bansin nasce, la dicitura "Antica osteria con uso di cucina", che campeggia ancora oggi sull'insegna del locale e sul logo dello stesso, stava a significare che inizialmente i rapallini che scendevano a lavorare a Rapallo, per la pausa pranzo si potevano portare il pignattino da casa e potevano andare da Bansin per scaldarsi il pasto consumando nel locale solo pane e vino.
In seguito il locale ha assunto le caratteristiche classiche della trattoria e grazie all'impegno del nipote di Macchiavello, "Ninni" Gabriele, e ai due soci Forzanini e Vaccaro, ha raggiunto la fama e la notorietà che ha ancora oggi, sfornando piatti tipi e la famosa farinata.
In quel periodo tra i tanti avventori si poteva notare, nel lontano 1922, Ernest Hemingway, inviato speciale per il trattato russo-tedesco e Ezra Pound che ha sottolineato nei suoi scritti l'onore per la trattoria e per i suoi piatti tipici.
In epoca più recente a partire dai primi anni '90, grazie alla rassegna "Palco sul mare Festival", sono stati molti gli ospiti illustri che prima di esibirsi sul prestigioso palco, sono stati graditi ospiti del locale.
Nel 1990 i vecchi gestori hanno passato la mano, e a gestire Bansin sono subentrati Italo Monfé e Pietro Parma. La formula del locale, però, è rimasta invariata, mantenendo al primo posto i pitti ed i sapori della tipica cucina ligure.
Dal 1999, a causa di uno sfratto, l'osteria si è spostata, per fortuna sempre nella stessa Via Venezia, ma al civico n° 105, dove tuttora si trova.